Jazz tutto l'anno
Cerca tutti gli eventi nel calendario

Mese precedente Mese prossimo
agosto 2017
lun mar mer gio ven sab dom
1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31

Ultime notizie
  • Jazz al Museo Grandi classici del jazz e brani originali si incontrano sabato 12 agosto dalle ore 20 nella nuova apertura serale del Museo di Roma Palazzo Braschi.
Leggi tutte

Lucian Ban & Mat Maneri "Transylvanian Concert"


Lunedì 1 maggio, alla Casa del Jazz di Roma, in collaborazione con l'Accademia di Romania e con il sostegno dell'Istituto Culturale Romeno il concerto di Lucian Ban & Mat Maneri, "Transylvanian Concert", Lucian Ban, pianoforte e Mat Maneri, viola.

 

"Transylvanian Concert" segna l'esordio per ECM del pianista e compositore rumeno Lucian Ban e vede il ritorno del violista americano Mat Maneri, il quale aveva già lavorato per la label in molte altre occasioni. Questo album testimonia una performance estemporanea organizzata a Targu Mures, nella regione dove Lucian Ban ha trascorso la sua infanzia. Di fronte ad un pubblico attento, Ban e Maneri hanno esplorato - nello spazio interstiziale tra jazz e musica da camera europea - un repertorio di ballad originali, blues, inni ed improvvisazioni libere ed astratte. Il violista corona la performance con una versione gospel di “Nobody Knows The Trouble I’ve seen" di grande intensità emotiva.

 

L'Accademia di Romania svolge la propria attività a Roma dal 1922 in base all'accordo culturale tra la Romania e l'Italia. È, al contempo, un'istituzione di ricerca scientifica e creazione artistica e un istituto culturale della Romania all'estero, campo in cui coordina le proprie attività con l’Istituto Culturale Romeno di Bucarest. Funziona in un magnifico palazzo che si affaccia su viale delle Belle Arti a Valle Giulia, edificato nel 1932.

www.accadromania.it

 

 
lunedì 1 maggio ore 21
LUCIAN BAN & MAT MANERI
“Transylvanian Concert”
Lucian Ban pianoforte
Mat Maneri viola
Ingresso 15 euro 
In collaborazione con l’Accademia di Romania e con il sostegno dell’Istituto Culturale Romeno